Passato, presente e futuro: il progetto per via Albalonga.

Venerdì scorso, 17 marzo, siamo stati ricevuti in Municipio dagli assessori Vivace (Lavori Pubblici e Urbanistica) e Pierfranceschi (Ambiente, Mobilità e Decoro Urbano) per esaminare insieme due progetti che ci stanno molto a cuore: la sistemazione di superficie del PUP di via Imera e il progetto definitivo per la viabilità su via Albalonga. Del primo ci occuperemo in un prossimo articolo, del secondo vi aggiorniamo ora. Presenti con noi alcuni rappresentanti del Comitato Mura Latine con cui collaboriamo su questi temi e diversi cittadini.

Prima di tutto facciamo un breve riassunto, utile a ricordare come sono andate le cose e a spiegare meglio il significato di quello che verrà.

La “battaglia di via Albalonga” inizia nel lontano 2013 quando un gruppo di residenti decide di presentare un esposto presso la Procura della Repubblica di Roma a fronte di una inadempienza reiterata del Corpo di Polizia Locale (i vigili) per le segnalazioni che riguardavano sosta selvaggia, blocco del traffico e interruzione di pubblico servizio (Atac). Eravamo in epoca Alemanno e a capo dei vigili c’era il comandante Buttarelli, indagato e poi assolto per una vicenda di presunte mazzette (…e da poco nominato dal Sindaco Raggi Direttore dei Mercati all’ingrosso del Campidoglio). Le segnalazioni cadevano nel vuoto e i vigili a via Albalonga non si facevano mai vedere, anzi, giravano al largo. Quando Ignazio Marino diventa sindaco Buttarelli si dimette (ufficialmente per “ragioni personali”) e a succedergli è Raffaele Clemente, che impone una rotazione e riassortimento dei comandanti delle varie UU.OO. . All’Appio arriva Lorenzo Botta, che da subito prende in carico la vicenda. Clemente e Botta rispondono fattivamente alle segnalazioni dei cittadini (che nel frattempo continuavano a denunciare  lo scandalo della quotidiana trasformazione di via Albalonga in un parcheggio privato che finiva per ostruire il passaggio non solo di veicoli privati, ma anche di autobus ATAC, veicoli AMA che provavano a raccogliere i rifiuti, taxi, ambulanze.

Arrivano i blitz a sorpresa e i presìdi notturni nel fine settimana e per un pò di tempo la situazione rimane sotto controllo. Ma Clemente e Botta non sono per l’interventismo quotidiano, costoso e inutile, così elaborano un progetto di comune accordo con la presidenza del Municipio (c’era Susi Fantino presidente e Morgia come assessore alla mobilità).

Voila_Capture 2017-3-23_04-12-46_pm

Il progetto prevedeva un intervento di “road diet” (restringimento delle carreggiate) che di fatto doveva scoraggiare la sosta illegale e eliminare il parcheggio selvaggio degli scooter sui marciapiede. Questo però nella sola porzione di strada che andava da Re di Roma all’incrocio con via Ceneda/via Domodossola. Era una sperimentazione, per cui dopo un breve periodo di tempo e i pareri tecnici necessari si sarebbe dovuto procedere con una sistemazione definitiva o una rimozione del manufatto provvisorio (i celebri new jersey in plastica bianca e rossa). A settembre del 2014 veniva installata la sistemazione provvisoria e a fine novembre dello stesso anno i Vigili esprimono già il loro parere favorevole alla realizzazione definitiva. Parere che il Municipio incassa e rilancia al Dipartimento Mobilità del Comune per la progettazione definitiva.

10407280_10205764361299125_5937675247731971669_n
via Albalonga

L’opera -si diceva- doveva essere realizzata dal Comune e vi lasciamo solo immaginare il vasto oceano di “non saprei” a cui abbiamo assistito. Qui finisce la storia, perchè nei mesi il progetto “sparisce” misteriosamente e poi nell’Ottobre 2015 con le dimissioni di Marino tutto si blocca definitivamente. Saltiamo a piè pari sui mesi vacanti del Commissario Tronca e arriviamo all’insediamento della nuova Giunta. In Municipio non è rimasta praticamente memoria della “battaglia di via Albalonga”, niente passaggio di consegne, si deve quasi ricominciare da zero. Ci sono dei nuovi interlocutori (gli assessori sopra citati appunto e il nuovo presidente Monica Lozzi) che da subito dimostrano però una grande attenzione e sensibilità per questa vicenda. Muoversi nel nulla non è facile ma finalmente si arriva a venire in possesso di un progetto elaborato da Roma Mobilità. Il progetto, lo scopriremo proprio venerdì scorso, è datato “dicembre 2014”, ovvero realizzato immediatamente dopo il parere favorevole dei vigili e del municipio.

Questa è la storia.

Nei fatti quello che possiamo dirvi è che il Municipio non solo ha ripreso in mano il progetto per esaminarlo ma si è anche preso in carico la sua realizzazione definitiva (in termini di spesa e di controllo dei lavori). La priorità in questo momento, ci hanno detto, è realizzare definitivamente progetti vecchi o provvisori, come nel caso di Albalonga, aggirando la macchina burocratica del Comune per accorciare i tempi. Le risorse in mano al Municipio non sono molte e si cerca di fare poche cose ma fatte bene seguendo con un proprio tecnico i lavori. Al momento c’è questo, poco certo ma meglio di niente. Per la progettazione della restante metà della strada, della risistemazione riqualificazione delle vie limitrofe e di piazza dei Re di Roma ci vorrà più tempo.

Ora quello che va detto è che in questo caso la nuova direzione del Municipio si è dimostrata coraggiosa nel fare una scelta che avrebbe potuto benissimo non fare o far cadere tranquillamente nel dimenticatoio. Oltretutto il progetto di via Albalonga era sostenuto dalla precedente maggioranza, per cui anche politicamente poteva essere un boomerang. Quello che abbiamo visto su carta -e c’era da aspettarselo- non ci ha convinto del tutto. E’ un progetto ingenuo che manca proprio di una attenta e particolare attenzione ai dettagli che fanno la differenza. Gli architetti del Dipartimento Mobilità d’altronde non sono nuovi a lacune del genere…

Per questo abbiamo suggerito alcune modifiche a basso costo ma che permetterebbero intanto di rende la realizzazione realmente efficace.

Nello specifico abbiamo chiesto agli assessori di farsi promotori di:

  • impostare la larghezza della carreggiata unica a 3, 50 mt (misura minima richiesta dal CdS) e non a 3,80 mt come è adesso su carta. Quei 30 cm sono cm regalati alla sosta illegale che si crea laddove nel parcheggio a spina delle auto ci sono parcheggiate autovetture piccole.
  • realizzare un piccolo tratto di cordolo sormontabile in gomma per dividere le due carreggiate che si creano in prossimità dello svincolo per via Ceneda/via Albalonga.
  • installare una “C” di travertino intorno ai secchi ama che ne impedisca l’arretramento o spostamento laterale per parcheggiare in doppia fila le autovetture.
  • realizzare un dente di marciapiede filo parcheggio per l’attraversamento pedonale all’altezza del civico 20 (ambo i lati) per impedire l’occupazione sistematica da parte della autovetture. In alternativa protezione laterale e frontale dell’attraversamento mediante parapedonali singoli (i paletti).
  • installazione aggiuntiva di alcuni parapedonali rettangolari di fronte al civico 2 per impedire che i camioncini della bancarella possano parcheggiare sul marciapiede.

La cantierizzazione del progetto è imminente (entro l’estate) e le risorse economiche sono già impegnate.

Aspettiamo adesso di vedere come andrà a finire.

(Piccola postilla per quanti “è una schifezza”, “non serve a niente”, “perchè proprio qui?”, “ma non era meglio…” e via discorrendo: per arrivare fino a qui ci sono voluti anni, tempo prezioso che alcuni cittadini hanno sacrificato alla loro vita personale per chiedere qualcosa a cui tenevano. Ecco, evitiamo i leoni da tastiera, se qualcuno ha qualcosa da dire o meglio se qualcuno volesse fare effettivamente qualcosa è il benvenuto. Le critiche costruttive sono sempre le benvenute, i sassi lanciati nello stagno no, grazie). 

IMG_8589
la data del progetto…dicembre 2014!

 

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...